Bombardamento di sigle in Palestina

La recente escalation del conflitto tra israeliani e palestinesi, culminata con l’uccisione di Abu Ali Mustafa, leader del Fronte Popolare di Liberazione della Palestina durante un bombardamento aereo, mette in evidenza, per il grande pubblico, come Arafat non sia l’unico leader palestinese che controlli la resistenza verso Tel Aviv.

Dopo essermi scusato con voi per avervi chiamato grande pubblico, vado avanti.

In poche parole se dovessero fare fuori Arafat (c’erano quasi riusciti qualche anno fa in trasferta, a Tunisi) gli israeliani farebbero solo una piccola parte del lavoro perché gran parte della popolazione dell’Intifada viene mossa da altri leader, da altre sigle.

Il defunto Abu guidava il FPLP che sta per Fronte Popolare di Liberazione della Palestina.

Poi c’è l’OLP che sta per Organizzazione per la Liberazione della Palestina che è guidata da Arafat (e che, ovviamente, è divisa in correnti).

Il FDLP è il Fronte di Liberazione della Palestina. Non so chi la guida e non mi interessa.

L’ANP ha solo tre lettere e quindi credo sia fra le più importanti. E’ l’Associazione Nazionale della Palestina e presumo che contenga rappresentanze delle sigle precedenti.

Le organizzazioni terroristiche invece, di ispirazione confessionale, non usano le sigle ma i nomi più evocativi di Jihad, Al Fatah, Hezbollah.

I romani insegnarono al mondo intero il principio del Dividi et Impera ed ai loro tempi usarono questa strategia per tenere sotto il loro piede le varie tribù israelitiche prima della Diaspora.

I palestinesi, da popolo senza identità quali sono, non imparano dalla storia e recitano la parte degli ebrei prima della Diaspora.

Gli israeliani ci marciano sopra, ed il Mossad (il controspionaggio con la Stella di Davide) è famoso nella costruzione di una rete di spie e delatori per mettere zizzania e divisioni tra i palestinesi.

Il senso grottesco della situazione mediorientale fu colto, con effetti fulminanti, dai Monty Phyton nel loro film del 1979, Brian di Nazareth, che raccontava la vita di un contemporaneo di Gesu Cristo nella Palestina sotto il dominio imperiale di Roma.

Vi rimando allo script del film.

Un giorno mi verrà voglia di tradurlo. Consiglio comunque il film su DVD.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: