La Fura dels Baus – Imperium

Lo spettacolo è (era) al Palasharp di Milano, mercoledi sera.

Si attende pazientemente l’apertura dei cancelli. Due camioncini/porchetta rifocillano i fans del gruppo catalano proponendo l’ormai celebre offerta pay-tv my sky; “la porchetta è lunga da fare, va bene lo stesso?”. No, non va bene. E si ripiega su una ciabatta al prosciutto (mangiata in coda per il ritiro dei biglietti).

Ore 21.30: siamo dentro. Il numero dei partecipanti è rigorosamente limitato a 1.200 per consentire le evoluzioni della Fura crew. Comincia l’effetto Auschwitz: esce fumo dal soffitto che si sparge a terra. La gente non capisce. Anzi capisce che sta accadendo qualcosa, i più ne hanno già sentito parlare, alcuni hanno già fatto l’esperienza anche se, evidentemente, ogni volta è diversa dall’altra e si tiene dentro di sè un cauto stupore preventivo.

Infine, eccolo. Inizia.

Le scale metalliche convergono e si fronteggiano. Sbuca altro fumo. Si sentono piccole urla. Qualcosa fende la folla a numero chiuso. Qualcuno pende da una forca con un sacchetto di plastica incappucciato. Persone salgono in cima alle scale e si battono il petto con manganelli di plastica. Sono donne. Tutte donne. Sono scimmie.Le donne-scimmia saltano, urlano, si fronteggiano. Ce ne sono due che provano a dominare le altre: le seviziano, le sfruttano, le battono, le strattonano. Tirano loro cose addosso. Le dominate abbozzano, cercano la fuga, poi via via prendono coscienza. Spuntano manichini in paglia. Sbuca un telo sul quale vengono proiettate immagini di un cartoon tribale/violento/spermatozoico (n.d.r. la solita descrizione dell’odissea di mille spermatozoi verso l’ovulo femminile, solo uno resterà, la battaglia della vita che comincia dall’inzio etc.). Le donne-scimmia dominate (le schiave?) stanno ribaltando la situazione. Tutte cominciano a spogliarsi nei loro fisici erculei/lesbo chic. Si spalmano di vernice, Un impasto di umori e sudori si mischia all’onnipresente fumo-zyklon che scende dal soffitto. Sono verdi, sono imbrattate di vernice smaltata. Sono nude. Si picchiano, ancora. Sudano. Urlano. Si tirano addosso secchiate di puro truogolo. Si inseguono per tutto il Palasharp, ti urtano. La folla si sposta. Poi le segue. Poi si sposta di nuovo. Le donne-scimmia sono dappertutto. La folla è vagamente impressionata, forse divertita, sicuramente preoccupata di schizzarsi il vestito.

Spuntano cannoni d’acqua. I gavettoni. Le donne scimmia si fanno i gavettoni.

Sono sempre nude. Una è più nuda delle altre. La svestono anche dei pants e la issano su una carrucola che fa su e giù. Ha il piercing alla vagina. Va su e giù, urla come un’ossessa. E’ rasata. selvaggia e nuda. Come diceva quella barzelletta, con i suoi forsennati rimbalzi, rischia letteralmente di caderti sull’uccello.

Gavettoni. Secchiate di truogolo, spunta anche una polverina aspersa sugli astanti, A me pare Dixan. Ma potrebbe essere qualunque cosa. Le donne-scimmia si inseguono ancora, si menano (per finta), la vagina-piercing scende dalla carrucola, la smontano, la issano altrove. Continua questa sudata ginnastica-terror. Il  tutto sembra un villaggio vacanze in Vietnam. Un insensata chiassata-jungle. Sbucano le torce che fanno tanto Monkey Island. Manca solo King Kong.

E’ finita. Sono tutte salite su una pedana mobile al centro dello show. Dopo altre botte sui seni imbrattati grigioverdi di vernice-sudore-truogolo-dixan ne rimane solo una. Ha vinto una di loro. Non faccio tempo a capire quale. E’ il riscatto della schiava. Questo l’ho capito. La più intelligente? La più forte. La più bona? La più giovane. La più vecchia?

Tutto finisce. Qualche sprovveduto applaude. Nessuno si immagina un bis ma una rentrèe (soprattutto se le ragazze sono ancora nude come ce le ricordiamo) non si nega a nessuno.

Qualcuno grida: “ridateci i soldi”.

Fantozzi direbbe: “una cagata pazzesca”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: