Perché non credere

Non è solo per non perdere il gusto della sorpresa. Ne in questa vita, ne in quell’altra. Per non privarsi della meraviglia dell’impredicibile. Si tratta piuttosto di un altro tipo di scommessa rispetto a Pascal: non sai cosa potresti vincere, ma almeno sai quanto (e cosa) perdi.

Annunci