Sgarbi-Iene: duello continuo per il video bloccato

Continua la battaglia legale tra Vittorio Sgarbi e Le Iene per la messa in onda del famoso video-rissa dove il sottosegretario prende a calci i tre del Trio Medusa e prende a morsi il microfono.

Dopo un falso allarme – pareva che Sgarbi avesse dato il via libera – il video rimane sequestrato dalla Magistratura, anche se ormai di quella intervista si sa tutto per le anticipazioni trasmesse da Striscia La Notizia e Studio Aperto.

Per chi ancora non lo sapesse la rissa era stata scatenata dalle basse insinuazioni delle tre iene sull’abitudine di Sgarbi di andare in giro di notte per musei con il sorgere di due inquietanti interrogativi:
1)mentre lui è in giro che fa la bella fidanzata Sabrina Colle tutta sola? (facciamo le corna)
2) è giusto far svegliare di notte i poveri custodi per aprire le porte delle pinacoteche a Vittorio? (suoniamo le trombe)

Purtroppo dobbiamo far notare che la polemica dei media si sta spostando sempre più da Sabrina che langue sospirosa ai custodi che sbadigliano a mezzanotte e passa.

Come sempre avviene il potere, qui in Italia, nasconde le storie di letto dei politici e fornisce un problemino sindacale con il quale distrarsi in nome del popolo operaio.

Non credo che la storia dei custodi tirati giù dal letto possa appassionare il volgo più di tanto. Quindi protesto: ci stanno rubando un argomento boccaccesco non da poco!

A meno di non trastullarsi con un topos del cinema italiano dei cosiddetti Bmovies: la bella & bona che pur sposata con un ricco e potente se la fa con la manovalanza.
Quanti ministri, generali, professori, chirurghi sono stati aggirati in camera da letto, nelle sceneggiature triviali dei mitici ’70, da imbianchini, idraulici, soldati semplici pronti a scappare dalla finestra con le scarpe in mano e le brache in vista.

Ecco, funziona: immaginate la scena del film Il Custode dove l’onesto suddito della sovrintendenza viene svegliato da una telefonata in piena notte: è il sottosegretario che vuole visitare il Museo. Il nostro deve andare ad aprire le sale, scende dal letto, sbuffa, smoccola e tira pure una ………..
Che c’è caro?, dice la flessuosa mora al suo fianco, seminuda, coperta solo da un lembo di lenzuolo.
Lui: E’ quel coglione di tuo marito:, dice il nostro eroe in canotta, vuol vedere se passano ancora le corna dalla porta .
Inizia una musichetta ruffiana, passano i titoli iniziali del film. Attori: il custode Renzo Montagnani, la fidanzata è Gloria Guida, il sottosegretario Mario Carotenuto…
…così c’è pure la rima.

Annunci